DPR 24 luglio 1996, n.503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503.

“Regolamento recante norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici.” “pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1996, n. 227 – Supplemento Ordinario.”

Articolo 13. Le norme generali per gli edifici

1. Le norme del presente regolamento sono riferite alla generalità dei tipi edilizi.
2. Negli edifici pubblici deve essere garantito un livello di accessibilità degli spazi interni tale da consentire la fruizione dell’edificio sia al pubblico che al personale in servizio, secondo le disposizioni di cui all’art. 3 del decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236.
3. Per gli spazi esterni di pertinenza degli stessi edifici il necessario requisito di accessibilità si considera soddisfatto se esiste almeno un percorso per l’accesso all’edificio fruibile anche da parte di persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.

Legge 27 dicembre 1997, n. 449 (Pubblicata nella Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 302)

Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica (1) (2) (3) (4) (5)

Art. 8. Disposizioni a favore dei soggetti portatori di handicap.

1. (Omissis) (1). 2. Per i soggetti di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, non possessori di reddito, la detrazione di cui al comma 1 spetta al possessore di reddito di cui risultano a carico. 5. Nel realizzare gli obiettivi di risparmio di spesa di cui all’articolo 35 comma 1, restano salvaguardate le forniture a favore di disabili. Il Ministero della sanità provvede nel termine di tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge alla revisione del nomenclatore tariffario delle protesi. 6. Le regioni e le aziende unità sanitarie locali nella liquidazione e nel pagamento dei loro debiti assegnano la priorità a quelli che riguardano prestazioni o convenzioni per prestazioni a favore degli handicappati. (1) Modifica l’art. 13-bis, comma 1, lettera c), d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917.

I commenti sono chiusi